Kanye West è un argomento che non lascia indifferenti: prima o poi qualcuno vi chiederà cosa pensate di lui. Tuttavia, se consideriamo che Kanye si è paragonato spesso a Dio, non è una sorpresa che, attorno alla sua personalità, fiocchino le polemiche. Quindi, perché dedicare ancora un momento di riflessione ad un individuo così narcisista, egocentrico e presuntuoso? La risposta è semplice: che vi piaccia o no, Kanye West è una delle più grandi icone di questa generazione.

Kanye West ha vinto ben 21 premi premi Grammy e come cantautore, produttore, cantante rap, film maker e, recentemente, anche stilista di moda, ha lasciato più che un segno. Se guardiamo solo all’aspetto musicale, è sicuramente un uomo dotato di talento, lo dimostrano le 352 nomination ai vari premi della critica ricevute fino ad oggi. Senza dimenticare le hit da numero uno in classifica e i premi come “best song” assegnati da riviste come Billboard e Rolling Stones. E questo senza voler trascurare i suoi commenti e atteggiamenti, talvolta al limite del ridicolo, ma per riconoscere, come sostiene Ae Padilla che Kanye “è uno dei migliori esempi di una rivoluzione ma anche di un artista che sta morendo“. 

Forse, se lo si guarda più da vicino, possiamo trovare in lui qualche elemento che rappresenta il segno dei tempi. Non ha importanza quanto possa rivelarsi arrogante, rude e spesso ridicolo, Kanye è molto più della sua musica e del suo talento. Molto di ciò che fa sono semplicemente dei veri e propri lanci pubblicitari. E funzionano. La gente si sintonizza sui premi musicali tramessi in tv solo per sentire ” cosa dirà Kanye”.

Tuttavia, sono in molti a comportarsi così, cos’ha quindi di speciale Kanye? Probabilmente il fatto che lui non lo faccia per i click o per le visualizzazioni. Kanye si esprime per dire ad alta voce qualcosa qualcosa di vero e importante per lui. In ogni situazione è sempre se stesso al cento per cento. Non si sente costretto a fare affermazioni “gentili” o “corrette”, perché la sua libertà creativa e la sua sete di giustizia sociale fanno in modo che lui sia sempre motivato a parlare onestamente.
 
Il risultato più evidente delle bizzarre uscite di Kanye è il fatto che risulta sempre il più chiacchierato e discusso. La gente “lo odia”, ma twitta follemente su di lui. Riesce a rimanere rilevante per l’opinione pubblica in un tempo in cui, più che il talento, conta per quanto a lungo viene ricordato il tuo nome. Ecco perchè “amiamo odiarlo”: Kanye crede in se stesso più di ogni altra cosa al mondo e non ha paura di dichiarare di essere sempre il migliore in ciò che fa. L’insicurezza e la mancanza di autostima sono due delle piaghe di questa generazione: Kanye non si preoccupa del fatto di piacere o meno, neppure per un secondo. In tal senso, può rappresentare il simbolo di una rivoluzione all’insegna della self confidence. A Kanye non interessa se le sue azioni sono gradite oppure no. La conferma definitiva è arrivata quando ha deciso di sposare un personaggio controverso della cultura pop, come Kim Kardashian.

 

rs_634x1024-131025103438-634.kanye-west-kim-kardashian-dream-africa.ls.102513_copyPhoto Credit: Eonline

Come spiega Rhymefest nel libro “The Cultural Impact of Kanye West“, “Kanye si evolve all’interno di una società, e di un’industria, che tiene sotto osservazione lui e ogni altro artista nero“. Rhymefest suggerisce che Kanye lotta contro una società che sta cercando di omologare le personalità degli artisti di colore per renderli indistinguibili. Kanye lotta contro questo sistema, a partire dal modo in cui propone la sua musica. Il sistema però contrattacca, proponendo a sua volta artisti più giovani e meno informati.

A volte, tuttavia, in mezzo a commenti oltraggiosi ed uscite ad effetto, diventa difficile comprendere il Kanye-pensiero. A tale riguardo, può essere utile chiedersi da dove sia partito Kanye West, originario di Chicago, Illinois. Una città che lo ha influenzato per quanto riguarda la musica, la politica, la concezione della vita di strada. Rhymefest spiega che “la cultura metropolitana ha portato Kanye ad essere aperto alle sperimentazioni. Ha influenzato il suo modo di vestire e ha fatto emergere l’importanza di accettare tipi di persone che agiscono in maniera differente dalla massa“. 

Kanye WestPhoto Credit: Salon

Recentemente, Kanye è sembrato sempre più determinato e sicuro di sè. Cresce e si evolve. L’uomo che oggi ascoltiamo eseguire i successi di Yeezus è lo stesso che fu ridotto al silenzio a causa di un incidente stradale. Nulla lo ha fermato, a dimostrazione di quanto sia focalizzato e dedito al suo lavoro. Lui crede nell’ “idea“, mentre noi spesso tendiamo ad abbandonare i grandi ideali. Kanye invece incoraggia le persone a non lasciare andare il progetto di una big idea da innalzare contro tutto ciò che è convenzionale e omologato, per costruire il nostro futuro. 

Kanye+West+Taylor+Swift+2009+MTV+Video+Music+Wz8vZT9dzcdlPhoto: Zimbio

Non è così sbagliato pensare che adottare la strategia dell’umiltà non sia sempre necessariamente la strada giusta, come nel caso di West. Talvolta, però, persino Kanye deve scusarsi. Come ad esempio, con Taylor Swift, dopo averla insultata in diretta tv per un premio, che alla fine non era andato a lui, ma alla giovane pop star. Anche se molti pensano che in realtà quelle a Taylor non fossero realmente scuse in grado di cancellare il triste episodio. Questo, però, fa parte dell’essere Kanye. Del rimanere sempre fedele a se stesso. E’ ancora Ae Padilla a dirlo con le parole migliori: “di sicuro il ragazzo è un tipo fastidioso ed egocentrico. Attira troppa attenzione. A volte è un imbecille. Però ha fatto scaturire un dialogo e dobbiamo sempre essere grati a chi è in grado di farlo“.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata